Pizze

La “Vecchia Modena”: noi siamo (anche) le nostre radici.

Ingredienti: fiordilatte, pancetta, scaglie di parmigiano, aceto balsamico DOP

…Sono di Modena, e da buona Emiliana quale sono, amo la mia terra.

E ho i miei motivi, che sono tutti riassunti in questa pizza: la Vecchia Modena!

Modena è una città di eccellenza, di prodotti genuini e fatti con il cuore. E tutto il Mondo oramai riconosce la meraviglie gastronomiche del nostro territorio, dalla mortadella di Bologna alle crescentine, dai vini al Parmigiano – tutto dalle mie parti è un inno al cibo, e al buon cibo!

Tra tutto questo ben di Dio, esiste un’eccellenza tutta Modenese che riesce a sposarsi con ogni pietanza, gusto ed abbinamento, esaltandoli: sto parlando dell’aceto balsamico di Modena DOP.

Immancabile tocco distintivo della pizza che sto per descrivervi, l’aceto balsamico è sempre stato presente sulla tavola, sin da quando ero piccola.

l’ho sempre messo e mangiato con tutto: verdure grigliate, carne, formaggi, fragole, gelato…

Mi riporta alla tavola imbandita della domenica a casa dei miei nonni, all’odore inconfondibile delle pietanze, che già iniziavo a sentire nel cortile – mentre legavo la bici – affamatissima dopo una mattina passata a correre e a giocare con gli scout.

Mi riporta al sorriso della nonna Wanda e alla battuta sempre pronta del nonno Vincenzo.

Credo che questo ingrediente sia cosi importante per me perché forse mi rappresenta. Sarà perché durante gli anni vissuti in Australia tutte le volte che mi presentavo ad un nuovo collega, o ad una persona mai vista prima, la prima domanda che mi veniva fatta era “Ah, Modena! Balsamic Vinegar’s hometown!”.

Certo, non aiutava a colmarne la mancanza…ma, anche se ero dall’altra parte del mondo, questa domanda mi faceva sentire un po’ a casa.

La “Vecchia Modena” rappresenta le mie origini, le tradizioni.

E non è solo l’aceto balsamico  a rendere cosi speciale questa pizza, ma il tridente che forma assieme al Parmigiano Reggiano e alla pancetta dolce – che con il suo sapore avvolgente e appagante dona corposità e scioglievolezza alla pizza.

Infine, il fiordilatte dona un tocco che va a diluire la sapidità degli ingredienti, unendone allo stesso tempo i sapori in una crema morbida, leggermente speziata e ricercata.

È una pizza che una volta finita mi rende un pochino nostalgica, perché ne vorrei sempre un’altra fetta…

Insomma, la Vecchia Modena è la pizza che mi ricorda chi sono e da dove provengo. Quella che scelgo di preparare quando ho voglia di ritornare indietro nel tempo ed immergermi per qualche minuto nei ricordi più felici di quando ero bambina…

È casa.